Cosa mangiare in Tunisia, la guida al cibo tunisino

Cosa mangiare in Tunisia, la guida al cibo tunisino

La Tunisia vanta un’ottima tradizione culinaria, data dalla presenza di piatti tipici e pietanze davvero molto apprezzate. Nonostante si dica che la cucina italiana non ha rivali nel mondo bisognerebbe sempre tenere presente il famoso detto “paese che vai, usanza che trovi” ed essere quindi aperti e disposti a gustare le specialità culinarie del luogo in cui si decide di soggiornare. Optare per un viaggio in Tunisia piuttosto che in un’altra località è un’ottima idea non solo perché permette ai turisti di visitare luoghi fantastici come la Piazza principale della Medina oppure la Piazza della Moschea ma anche perché regala loro la possibilità di degustare delle vere e proprie prelibatezze. Proprio per queste ragioni ci occuperemo di capire insieme cosa mangiare in Tunisia.

Un viaggio in Tunisia potrebbe anche trasformarsi in un viaggio culinario attraverso le tradizioni gastronomiche. Grazie alla sua posizione strategica sul Mar Mediterraneo la Tunisia, nel corso della sua storia, ha visto il susseguirsi di varie popolazioni, ciascuna delle quali ha lasciato al paese un’importante impronta non solo dal punto di vista culturale o economico ma anche dal punto di vista gastronomico. Il succedersi di popolazioni tra loro tanto diverse ha fatto sì che la cucina tunisina si sia affermata come il frutto delle diverse tradizioni. La sua posizione strategica sul mare, allo stesso tempo, ha fatto in modo che la Tunisia si sviluppasse dal punto di vista culinario sulla base di una dieta mediterranea, fatta di carne da allevamento, pesce, spezie, pomodori ed olio di oliva. Dopo aver elencato quali sono i prodotti maggiormente utilizzati per la preparazione delle pietanze tunisine, capiamo ora cosa mangiare in Tunisia, parlando dei piatti più apprezzati.

Il Cous Cous

Uno dei piatti tipici per eccellenza della Tunisia è il cous cous. Si tratta di un piatto molto celebre anche in Italia, realizzato con granelli di semola cotti a vapore e successivamente conditi con la carne, le verdure oppure il pesce, anche questi ingredienti cotti a vapore. Nei ristoranti tunisini è infatti possibile trovare il cous cous in diverse varianti, tutte davvero molto buone.

Tradizionalmente preparato con semola di grano duro, il cous cous viene oggi fatto anche con cereali diversi come il miglio, il sorgo, il farro, il mais oppure il riso. E’ generalmente utilizzato per accompagnare verdure bollite oppure carni in umido e può essere anche reso piccante se unito all’harissa, una salsa piccante a base di peperoncino rosso ed olio di oliva, che serve per condire molti piatti tunisini.

Il Tajine

Il Tajine è una pietanza di carne in umido, nota anche come stracotto di carne, tipica della cucina tunisina. La carne che viene maggiormente utilizzata per la sua preparazione è quella di pecora, accompagnata da un condimento di olive, verdure, uova e formaggio, cotto per tante ore all’interno di terrine di coccio. I tajine che si possono gustare, però, sono di differenti tipologie e quelli più conosciuti sono il kefta, preparato con pomodori e polpette, il mqualli fatto con il pollo che viene accompagnato da olive e limone e il mrouzia con l’agnello, le mandorle e le prugne.

Agli ingredienti principali è anche possibile aggiungere delle salse oppure delle spezie come l’aglio, il pepe, lo zafferanno, la curcuma, lo zenzero o la cannella che servono per arricchirne il sapore.

Il Brik

Altro piatto tipico da assaggiare assolutamente nel momento in cui si decide cosa mangiare in Tunisia è il brik. Si tratta di una frittella fatta con la pasta brik, una pasta molto simile alla pasta fillo e che in cottura diventa particolarmente croccante e friabile.

Questa frittella molto sottile viene successivamente riempita con ingredienti come le patate, il tonno, la curcuma, i capperi, il coriandolo ed un uovo crudo. I brik tunisini, realizzati a forma di triangolo, vengono consumati prevalentemente nei giorni di festa e sono accompagnati da agnello e zuppe, pane arabo e cous cous.

Insalata Mèchouia

L’insalata méchouia, piatto da non perdere assolutamente durante un soggiorno in Tunisia, è un’insalata che viene realizzata con diversi ingredienti.

E’ presente in moltissime varianti ma quella più conosciuta viene preparata con peperoni alla griglia, pomodori e cipolle sbucciate e successivamente condita con olio di oliva, limone, aglio, cumino, coriandolo in polvere e talvolta l’Harissa.

Le Merguez

Per tutti gli amanti della carne, un piatto tipico tunisino sono le merguez, piccole salsicce di carne di pecora oppure di bue, condite con molte spezie.

Le merguez, talvolta anche piccanti, sono ideali e molto sfruttate per la preparazione di una variante di cous cous. Le salsicce vengono solitamente cotte alla griglia e gustate anche all’interno dei panini con le patatine fritte.

Un ingrediente molto importante della cucina e in particolar modo della pasticceria tunisina, noto anche in Italia, è il dattero, che viene coltivato e raccolto in particolar modo nella parte sud del paese, in prossimità del deserto. Si tratta di un frutto particolarmente dolce che viene mangiato da solo oppure viene utilizzato per la preparazione di ottimi dolci tunisini, come i corni di gazzella, dei dolci tradizionali realizzati con la pasta sfoglia ripiena di datteri e di sesamo, precedentemente fritti e passati nel miele bollente. Quasi tutti i dolci tunisini sono preparati facendo uso del miele. Si pensi, ad esempio, a quelli più classici che sono la Halwa e la Baklawa, a base di miele e di mandorle. Ancora vi sono i baklava, sempre a base di frutta secca e miele.

Commenta

Pin It on Pinterest

Share This